Non finiscono mai di stupirci. I “cari” commissari , in un’intervista al giorno qui in allegato,  danno il meglio  di sé,  non accorgendosi di scadere nel ridicolo.

Il loro insediamento ad ottobre compirà un anno. In questo lasso di tempo  Sedriano  è diventata  irriconoscibileil....


 

CATTIVI MAESTRI

Non finiscono mai di stupirci. I “cari” commissari , in un’intervista al giorno qui in allegato,  danno il meglio  di sé,  non accorgendosi di scadere nel ridicolo.

Il loro insediamento ad ottobre compirà un anno. In questo lasso di tempo  Sedriano  è diventata  irriconoscibile: il paese è attraversato da un degrado e sporcizia  indescrivibile.  Vi è una lamentela  costante contro coloro che occupano, illegittimamente,  il palazzo comunale.

Dopo le figuracce  “conquistate “ con alcune prodezze amministrative ( soppressione falò, aumento  rette centro estive e modalità pagamento, etc) si propongono candidamente, senza pudore, come  “maestri” di buona amministrazione pubblica, facendo finta di nulla sui fatti disastrosi della loro gestione (vogliamo parlare della manutenzione del verde pubblico?), pur  potendo disporre  in modo eccezionale dei  poteri del consiglio comunale e della giunta.

Ci permettiamo di dire che personificano  un manuale , non scritto,  ad uso e consumo dei  neo amministratori o coloro che ricevono incarichi pubblici, dal titolo “Come non si deve amministrare  un ente pubblico.  Qui, dunque, la loro  unica loro utilità.

Ma nelle loro dichiarazioni, oltre alle solite autocelebrazioni e autoreferenzialità, classiche dei burocrati, vi è un  argomento nuovo e insolito che allude, faziosamente, a un bilancio comunale ereditato   che,  in qualche modo, risente di qualche difetto e  mettendo  in dubbio  quanto da noi affermato,  circa il lascito di un bilancio in ordine e in attivo ( alleghiamo il verbale del passaggio di consegne). Abbiamo la documentazione, firmata dal  revisore dei conti  e dal responsabile dell’ufficio competente, che non vi è stato e non vi è alcun “debito fuori bilancio” che abbia riguardato la nostra gestione. Su questo torneremo presto .

Per quanto  riguarda  “..siamo qui per restituire al prossimo sindaco una  macchina che lavori bene, secondo le procedure e in piena trasparenza”, non abbiamo ancora ricevuto una risposta  sulla nomina del revisore della farmacia comunale senza  aver avviato un avviso pubblico,  sulla revoca  della delibera  illegittima  dell’incarico ulteriore ai due avvocati per la  costituzione di parte civile  per un impegno di 19.072,00 euro ( bastava questo risparmio per non aumentare il centro estivo . E’ stato inviato  questo atto alla Corte dei Conti?), la pubblicazione dei compensi lavorativi percepiti e quella dei redditi, la dimostrazione delle spese extra da loro sostenute  per missioni istituzionali, etc.

Più che amministrare da una  torre d’avorio sembra  che siano  all’interno di un camion scassato che perde pezzi  durante il suo tragitto.

Auguro loro,  comunque da amministratore responsabile e onesto, un miglior lavoro che veramente porti beneficio ai Sedrianesi , in attesa che il Tar  il 5 novembre si pronunci e, auspicabilmente,  faccia cessare la non prevista e forzata   presenza.

ALFREDO CELESTE

il giorno 11 giugno 2014.jpg modificata

 

passaggio di consegne