AIUTO AL VOLONTARIATO. MA DOVE?

Abbiamo letto con enorme dispiacere e rabbia il disagio del responsabile  del GADIT Dott. Rocco Oliva....

 

MA QUALE AIUTO AL  VOLONTARIATO?

Nella “mission” dei burocrati  , inviati qui a Sedriano e lautamente ricompensati, per un lavoro che non esiste, ovvero la “bonifica” da infiltrazioni etc etc  (balle colossali create  dai loro  colleghi  predecessori)  vi era anche la valorizzazione del volontariato.

Belle parole , ma come al solito in contrasto durissimo con la realtà.

Pochi anni fa la giunta Celeste aveva raggiunto un accordo con il  GADIT, guardie ecologiche e ambientali volontarie, (vedi video sul sito “Sedriano un paese pulito”) che ha dato e continua a dare un grosso sostegno all’amministrazione pubblica in tema di repressione e prevenzione di reati ambientali, di controllo del territorio inteso a impedire l’incivile scelta di lasciare rifiuti e scarichi non autorizzati, in tema di prevenzione per l’altrettanto incivile deiezione canina e altro ancora . La sottoscrizione della convenzione operativa fu un grande momento di orgoglio e soddisfazione per l'amministrazione in carica , dando ancora più sicurezze e supportando  il controllo del territorio in maniera più efficace, Rimaneva anche il compiacimento che si nettessero in campo le forze stesse dei cittadini  sedrianesi nella forma di volontariato civile.

Qui elenchiamo irilevantissimi  compiti per Statuto del GADIT:

  • Supporto alle Forze dell'Ordine ed agli Enti Preposti, sia a livello Locale che Istituzionale
  • Controllo smaltimento rifiuti
  • Controllo e monitoraggio delle discariche abusive
  • Controllo delle attività pubblicitarie e commerciali irregolari
  • Controllo sul rispetto delle disposizioni per l’esercizio dell’attività venatoria e piscatoria
  • Controllo sul rispetto delle prescrizioni di Polizia Forestale, delle ordinanze e dei regolamenti comunali, finalizzati alla tutela dell’ambiente
  • Tutela della fauna e della flora
  • Tutela delle risorse idriche
  • Tutela e conservazione dei beni archeologici
  • Vigilanza sull’ applicazione delle norme per la protezione della fauna selvatica
  • Prevenzione sull'obbligo del vincolo edilizio e paesaggistico
  • Prevenzione e repressione degli incendi boschivi
  • Supporto, straordinario, nei servizi di polizia stradale, su richiesta ed in ausilio, degli organi competenti
  • Protezione Civile nei casi previsti dalla legge, per minaccia o grave pericolo della pubblica incolumità.

Abbiamo letto il disagio del responsabile dell’associazione regionale Lombardia Dott. Rocco Oliva che ha annunciato,  addirittura,  la sospensione dei servizi  e l’intenzione di non rinnovare la convenzione , per la mancanza di un minimo di contributo da parte dell’ente locale. 

Un danno gravissimo al paese e all’.intera comunità civile.

Speriamo in un  intervento riparatore dei nostri  burocrati “sfasciatutto”. 

 

Joomla templates by Joomlashine